Vesuvio, visita il vulcano che distrusse la città di Pompei!

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

Vesuvio, visita il vulcano che distrusse la città di Pompei!

Il Vesuvio è il vulcano più famoso della terra e uno dei più studiati.. E’ anche uno dei più pericolosi poiché il vasto territorio che si estende alle sue pendici ha visto la costruzione di case fino a 700 metri di altura.

Segui il Vesuvio su Facebook per restare aggiornati sulle Novità e offerte!!

Vesuvio costituisce un colpo d’occhio di inconsueta bellezza nel panorama del golfo.

Una celebre immagine da cartolina ripresa dalla collina di Posillipo lo ha fatto entrare di diritto nell’immaginario collettivo della città di Napoli.

Orari e giorni di apertura:

Si può raggiungere il cratere:

Gennaio-Febbraio-Novembre-Dicembre: 09:00 – 15:00
Marzo-Ottobre: 09:00 – 16:00
Aprile-Maggio-Giugno-Settembre: 09:00 – 17:00
Luglio-Agosto: 09:00 – 18:00

Il sentiero di accesso al cratere negli orari sopra indicati è aperto tutti giorni dell’anno, anche il sabato, la domenica e anche tutti i giorni festivi

In caso di maltempo o di forza maggiore l’ascesa al cratere può essere sospesa dalle guide vulcanologiche .

Durata:

L’ intera escursione di solito dura 90 minuti. Tale durata può, comunque, variare a seconda dell’età o dello stato di salute del turista, o a causa delle condizioni meteorologiche.

Prezzi:

Per la visita al cratere è necessario l’acquisto del biglietto. Il biglietto comprende il servizio guida.

Biglietto da € 8,00

Per gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, gli studenti universitari con lettera di presentazione firmata dal Dirigente Scolastico;

per i cittadini residenti nei 13 comuni della comunità del parco muniti di documento di riconoscimento attestante la effettiva residenza

Biglietto da € 10,00

Per ogni altro visitatore, incluse le Agenzie di Viaggio ed altri Organismi operanti nel settore turistico che non intendono utilizzare vouchers prepagati per le visite guidate al cratere.

Agenzie di viaggio e Tour operator
Le Agenzie  che intendono utilizzare vouchers devono pagare in anticipo € 2.400,00 pari a n. 300 biglietti al costo unitario di € 8,00. Coloro che non effetuano il suddetto pre-pagamento pagheranno i biglietti al prezzo ordinario di 10 .

Ingresso gratuito

Ai minori di altezza inferiore ad 1,2 metro solo se accompagnati dai genitori

Ai disabili al 100% muniti di certificato e al relativo accompagnatore

Tutti coloro che beneficiano della gratuità dovranno munirsi di biglietto gratuito rilasciato dalla biglietteria.

 

L’ attrezzatura:

La temperatura sulla cima del vulcano è generalmente inferiore rispetto alle sue pendici e il vento può inaspettatamente interessare l’area craterica. Inoltre, sono consigliati scarpe da ginnastica o pedule da escursionismo, binocolo, occhiali da sole e acqua.

Come raggiungerci in auto:

Prendere l’autostrada A3 Napoli-Salerno fino all’uscita di Torre del Greco o Ercolano e poi seguire le indicazioni per il Vesuvio.

Come raggiungerci in autobus:

La Circumvesuviana unisce tutti i paesi vesuviani da Napoli fino a Sorrento. Prendere l’autobus della compagnia EAV che raggiunge il Vesuvio da Pompei o da Ercolano. Numero verde 800 053939

 Il B&B Il Fauno dista solo 16 km dal Vesuvio, facilmente raggiungibile in 25 minuti, sia in auto che con gli Autobus che partono ogni 20 minuti di fronte l’entrata degli Scavi di Pompei.

Puoi prenotare il tuo alloggio vicino al Vesuvio con conferma immediata cliccando qui e scegliendo la tua camera.

RICHIEDI DISPONIBILITÀ  PRENOTA ORA LA TUA CAMERA

Per prezzi e costi contattateci subito con un email.

Camera matrimoniale

Puoi anche richiedere la tua camera compilando il form in basso con tutti i dati. La seguente richiesta non è impegnativa. 

Dopo il suo invio, sarà contattato nel più breve tempo possibile. Grazie

Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*

Indicate di seguito tutte le vostre richieste con: la data di arrivo/partenza, numero/tipo camere, num. di persone, se ci sono bambini indicare l'età.

Accetto il trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 *

 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci subito o invia un messaggio su Whatsapp / telegram : 327 3543655

Altre info sul Vesuvio

Vesuvio è un tipico esempio di vulcano a recinto costituito da un cono esterno tronco, Monte Somma (1133 metri), con cinta craterica in gran parte demolita entro la quale si trova un cono più piccolo rappresentato dal Vesuvio (1281 metri), separati da un avvallamento denominato Valle del Gigante, parte dell’antica caldera, dove in seguito, presumibilmente durante l’eruzione del 79 d.C., si formò il Gran Cono o Vesuvio.

La Valle del Gigante è suddivisa a sua volta in Atrio del Cavallo ad ovest e Valle dell’Inferno ad est. Il recinto del Somma è ben conservato per tutta la sua parte settentrionale, infatti è stato nei tempi storici meno esposto alla furia devastatrice del vulcano, perché riparato dall’altezza della parete interna che ha impedito il deflusso di lave sulle sue pendici. I pendii, variamente degradanti, sono solcati da profondi valloni radiali prodotti dall’erosione delle acque meteoriche.

Le sue pareti dalla parte del cono si presentano a picco. Tutta la sezione è poi disseminata di spuntoni e dicchi di roccia vulcanica scura. Il vecchio orlo craterico è un susseguirsi di cime dette cognoli. Mentre l’altezza del Somma ed il suo profilo si sono conservati uguali nei secoli, l’altezza ed il profilo del Vesuvio hanno subito variazioni notevoli, a causa delle successive eruzioni, con innalzamenti ed abbassamenti.

Il Vesuvio è un caratteristico vulcano poligenico e misto, ossia costituito da lave di composizione chimica diversa (ad esempio trachiti, tefriti, leucititi) e formato sia da colate di lava sia da depositi piroclastici. Tutte le zone alle pendici della montagna sono da considerarsi formate da terreni trasportati da lave di fango che scendono dagli scoscesi pendii nelle stagioni piovose attraverso profondi e stretti valloni detti alvei o più comunemente lagni.

Gli alti argini sono formati da cumuli di scorie laviche, che precipitati allo stato incandescente e dilagati verso le basse pendici, si rivelano ora a causa del loro materiale fertile, ricco di silicio e potassio, preziosi per la vegetazione. Nelle giornate più fredde la condensazione dei vapori rende visibili le fumarole presenti in numerosi punti

della parete interna del cratere. Proseguendo lungo il bordo del cratere, guardando verso il mare si coglie l’intera estensione della parte meridionale del vulcano e, in giornate con buona visibilità, tutto il Golfo di Napoli dalla Penisola

Sorrentina e Capri fino a Capo Miseno, Procida e Ischia. E’ inevitabile notare anche la sconsiderata espansione urbanistica che risale lungo le pendici del vulcano.
Dal 29 ottobre 2005 il Vesuvio è un museo a cielo aperto perché i suoi tornanti ospitano 10 gigantesche sculture. La mostra permanente prende il nome di Creator Vesevo.

Comments

comments

You may also like

Leggi articolo precedente:
Cosa Visitare Pompei e Dintorni
Costiera Amalfitana , da Positano a Vietri sul Mare 36 km di paradiso!

Costiera Amalfitana , da Positano a Vietri sul Mare 36 km di paradiso! Costiera Amalfitana..quattordici località ognuna con le sue...

Chiudi