Archeologia Napoli

La rinascita di Pompei con una fondazione pubblica-privata

Il Ministero dei beni culturali lavora alla costruzione di una “fondazione” per gestire al meglio e senza sprechi uno dei patrimoni archeologici più importanti e più noti internazionalmente. Intanto, ad accogliere i visitatori – piccolo miracolo della tecnologia – c’é proprio lui, il liberto diventato ricchissimo: Giulio Polibio.
Il suo oleogramma appare come d’incanto nell’atrio e racconta le vicende sue e dei suoi familiari.

Una Fondazione per Pompei. È questa l’idea che sta prendendo pian piano forma sull’esempio del Museo Egizio di Torino presieduto da Alain Elkann. Una fondazione che coinvolgerebbe i privati insieme agli enti locali per la gestione e la valorizzazione di uno dei più prestigiosi siti archeologici del Mediterraneo. Sandro Bondi, ministro dei Beni culturali, ha approfittato della presentazione, proprio nell’area archeologica campana, della Settimana della Cultura per ufficializzare un progetto al quale in realtà il suo Ministero lavora da tempo. Il modello a cui si guarda di più è proprio quello del Museo Egizio di Torino.

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

Pompei ha una risonanza mondiale e probabilmente non sarà difficile trovare qualcuno che voglia finanziare una fondazione. Il chi e il come è però ancora tutto da stabilire. Intanto, proprio per avere il tempo di studiare la questione, si chiederà al commissario straordinario Marcello Fiori, in scadenza a giugno 2010, di rimanere ancora nel suo incarico per sei mesi o forse per un anno.

Due anni di buona gestione hanno consentito di investire 109 milioni, di progettare e realizzare nuovi restauri, di riaprire al pubblico tanti ambienti che erano stati trascurati. Inoltre ci sono nuovi progetti informativi per le famiglie, laboratori per i bambini, un sistema di illuminazione notturno. Ma non solo: quest’estate verrà aperto il Teatro Grande, con spettacoli tutte le sere. Presto la Casina delle Aquile diventerà un “archeo-restaurant”, con tanto di vendita di prodotti tipici. Si inizia a perseguire la filosofia del marketing culturale che, se pensato bene, è sicuramente una risorsa per i beni culturali italiani.

Anche l’Antiquarium, a lungo abbandonato, diventerà un centro di orientamento. Senza contare che fra le domus si è trovato il modo di piantare anche la vite, con un vino rosso prodotto da Mastroberardino, che farà da ambasciatore di Pompei nel mondo. I visitatori sembrano aver già apprezzato questa novità. Senza perdersi l’emozione di una esperienza multimediale nella vicina, strepitosa, Domus di Giulio Polibio. Ad accogliere il visitatore, piccolo miracolo della tecnologia, c’é proprio lui, il liberto diventato ricchissimo: Giulio Polibio. Il suo oleogramma appare come d’incanto nell’atrio e racconta le vicende sue e dei suoi familiari, come sono vissuti e come sono morti in quelle stanze riccamente decorate, dove gli archeologi, grazie ai calchi di gesso, hanno potuto ricostruire tutto, dai mobili alle tende, il vasellame, i giochi, persino il giardino. Con tutti i suoi frutti, i fiori, gli odori. E, incredibile, persino i rumori.

Sarebbe davvero straordinario il fatto che Pompei, uno dei siti archeologici più importanti del mondo, passi a una forma di governance con partecipazione di privati ed enti locali. Simile alla Fondazione Museo Egizio di Torino, un equilibrato esempio di mix pubblico-privato che nella gestione dei beni museali può essere la via giusta per mettere a frutto l’inestimabile patrimonio culturale italiano.

Notte dei Musei 2010, anche a Pompei si entra gratis!!

Il MiBAC promuove “La Notte dei Musei”
Per il secondo anno l’Italia aderisce all’evento europeo
Musei statali aperti gratuitamente in orario notturno il 15 maggio

Per il secondo anno il MiBAC partecipa a “La Notte dei Musei”, l’evento europeo che apre gratuitamente le porte di musei ed aree archeologiche in orario serale e notturno, permettendo un’emozionante ed insolita fruizione del patrimonio artistico italiano per tutti coloro che non riescono a farlo nei consueti orari di visita. Un’occasione unica anche per coinvolgere un pubblico più giovane e normalmente distante dal mondo della cultura. Molti dei luoghi d’arte coinvolti arricchiranno la proposta organizzando eventi quali concerti, mostre tematiche e suggestivi percorsi guidati.

Prenota ora la tua camera al b&b Pompei Il Fauno,vicino agli Scavi di Pompei camere dotate di ogni comfort ,

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/images/upload/med/19/1273045751492_NotteMusei2010_big.jpg

Queste solo alcuni dei siti in tutta Italia, aperti gratuitamente dalle 20.00 alle 2.00:
Il castello di Piccolomini a Celano (AQ); il Museo Nazionale D’Arte Medievale a Matera, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara, il Castello Miramare di Trieste, Palazzo Farnese a Caprarola (VT), Palazzo Reale a Genova, Museo Archeologico di Sirmione (BS), la Rocca Roveresca a Senigallia (AN), Area Archeologica di Sepino (CB), la Galleria Sabauda a Torino, Castello Svevo a Bari, il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, la Galleria degli Uffizi a Firenze, il Teatro Romano a Spoleto (PG), il Museo Nazionale di Villa Pisani a Stra (VE).

Di particolare rilievo la partecipazione della Regione Campania con la quale il MIBAC prosegue la proficua collaborazione per le attività di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale anche attraverso Campania Artecard, già sperimentata con successo nella recente “Settimana della Cultura”. Ben trentacinque i siti statali campani che aderiscono a “La Notte dei Musei” del 15 maggio, con apertura straordinaria gratuita dalle 20.00 alle 2.00 del mattino: dagli Scavi di Pompei, al Castello di Baia, dalla Certosa di Padula alle Grotte di Pertosa , con un fitto il calendario di eventi tra i quali “Invito a Palazzo” Reale di Napoli, la mostra del fumetto Comicon a Villa Pignatelli e le visite notturne delle aree archeologiche di Ercolano e Pompei.

CAMPANIA
Ex carcere Borbonico AVELLINO AVELLINO ore 20,00-2,00
Antiquarium di Ariano Irpino AVELLINO ARIANO IRPINO ore 20,00-2,00
Area Archeologica dell’Anfiteatro AVELLINO AVELLA ore 20,00-2,00
Area Archeologica delle Tombe Monumentali AVELLINO AVELLA ore 20,00-2,00
Antiquarium AVELLINO AVELLA ore 20,00-2,00
Parco Archeologico di Eclanum AVELLINO MIRABELLA ECLANO ore 20,00-2,00
Convento San Felice BENEVENTO BENEVENTO ore 20,00-2,00
Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino BENEVENTO MONTESARCHIO ore 20,00-2,00
Museo BENEVENTO SAN SALVATORE TELESINO ore 20,00-2,00
Museo Archeologico dell”Antica Allifae CASERTA ALIFE ore 20,00-2,00
Palazzo Reale – Reggia di Caserta CASERTA CASERTA ore 20,00-2,00
Museo Archeologico dell’Antica Calatia CASERTA MADDALONI ore 20,00-2,00
museo archeologico CASERTA SANTA MARIA CAPUA VETERE ore 20,00-2,00
Museo Archeologico dell’Agro Atellano CASERTA SUCCIVO ore 20,00-2,00
Museo Archeologico – Edificio Monumentale “Il Loggione” CASERTA TEANO ore 20,00-2,00
Museo  Archeologico dei Campi Flegrei – (Castello di Baia) NAPOLI BACOLI ore 20,00-2,00
Castel Sant”Elmo NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo Archeologico Nazionale NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo di San Martino e Certosa NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo Nazionale della Ceramica “Duca di Martina” NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo di Capodimonte NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo “Diego Aragona Pignatelli Cortes” NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Palazzo Reale di Napoli NAPOLI NAPOLI ore 20,00-2,00
Museo Storico Archeologico NAPOLI NOLA ore 20,00-2,00
Scavi di Pompei, Scavi di Ercolano,  Scavi di Oplonti, Antiquarium di Boscoreale NAPOLI POMPEI ore 20,00-2,00
Museo SALERNO BUCCINO ore 20,00-2,00
Museo Archeologico Nazionale di Paestum SALERNO CAPACCIO ore 20,00-2,00
Museo Archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele SALERNO EBOLI ore 20,00-2,00
Certosa di San Lorenzo SALERNO PADULA ore 20,00-2,00
Museo Nazionale dell’Agro Picentino SALERNO PONTECAGNANO FAIANO ore 20,00-2,00

Scavi di Pompei Gratis, il 15 maggio è La Notte dei Musei

Musei statali aperti gratuitamente in orario notturno: il 15 maggio il MiBac promuove “La Notte dei Musei”, che permette di godersi opere d’arte e non solo anche dopo il tramonto.

Sono trentacinque i siti statali campani che aderiscono a “La Notte dei Musei” del 15 maggio: dagli Scavi di Pompei, al Castello di Baia, dalla Certosa di Padula alle Grotte di Pertosa, con un fitto calendario di eventi tra i quali “Invito a Palazzo” Reale di Napoli, la mostra del fumetto Comicon a Villa Pignatelli e le visite notturne delle aree archeologiche di Ercolano e Pompei.

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

Per il secondo anno il MiBac partecipa a “La Notte dei Musei”, l’evento europeo che apre gratuitamente le porte di musei ed aree archeologiche in orario serale e notturno, per un’insolita quanto emozionante visione del patrimonio artistico italiano. Un’occasione unica anche per coinvolgere un pubblico più giovane e normalmente distante dal mondo della cultura. Molti dei luoghi d’arte coinvolti arricchiranno la proposta organizzando eventi quali concerti, mostre tematiche e suggestivi percorsi guidati. Solo a titolo di esempio, per la Notte dei Musei saranno aperti gratuitamente dalle 20 alle 2, il castello di Piccolomini a Celano,l’Aquila, il Museo nazionale d’arte medievale a Matera, il Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, la Pinacoteca nazionale di Ferrara, il Castello Miramare di Trieste, Palazzo Farnese a Caprarola, Viterbo, Palazzo reale a Genova, Museo archeologico di Sirmione, la Rocca Roveresca a Senigallia, l’Area archeologica di Sepino, la Galleria sabauda a Torino, Castello Svevo a Bari, il Museo Archeologico nazionale di Cagliari, la Galleria degli Uffizi a Firenze, il Teatro Romano a Spoleto, il Museo nazionale di Villa Pisani a Stra, Venezia. Imponente la partecipazione della Regione Campania con la quale il Mibac prosegue la collaborazione per le attività di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale anche attraverso Campania Artecard, sperimentata con successo nella recente “Settimana della Cultura”.

[nggallery id=11]

Le lune di Pompei per ammirare gli Scavi di notte

A partire dal mese di Maggio 2010 lo splendido Parco archeologico degli scavi di Pompei ospita una nuova edizione di “Le Lune di Pompei”.

Il bed and breakfast Il Fauno si trova a poca distanza dall’entrata degli Scavi di Piazza Anfiteatro , che è possibile raggiungere sia in auto, sia a piedi in 5 minuti usando il treno della Circumvesuviana. Prenota ora la tua camera e approfitta delle nostre tariffe vantaggiose per ammirare i meravigliosi scavi di Pompei anche di Notte!!!

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

In un’ atmosfera magica e misteriosa l’antica città sepolta racconterà con le sue Eterne Lune i misteri non svelati che non hanno mai abbandonato quei luoghi .

Le visite si svolgono da Maggio a Ottobre 2010 durante il weekend
Dal  6  al 22 Agosto aperti tutte le sere (tranne il martedì).
Ingresso: Scavi di Pompei – Porta Anfiteatro

Informazioni, prenotazioni e calendario
tel. + 39 081 19303885 (mar./ dom., ore 10 – 20)
fax + 39 081 19308787
www.lelunedipompei.it
info@lelunedipompei.com

Inizio della manifestazione
Un’ora dopo il tramonto (partenze gruppi ogni 20 minuti)

Durata del percorso : 70 minuti (si consigliano scarpe comode)

E’ assolutamente necessaria la prenotazione (gratuita)

Costo della visita: 20 euro
Possessori Campania>Artecard : 14 euro
Prezzo speciale per famiglie (2 adulti + 2 ragazzi fino a 16 anni): 40 euro

Le Lune di Pompei è un emozionante percorso alla scoperta degli Scavi Archeologici di Pompei, realizzato con luci, suoni e voci fuori campo. Il visitatore è condotto nella suggestione di un viaggio in cui la luce prende corpo come le parole, i graffiti, le persone, prima ombre fuggevoli sui muri, poi sagome che vissero i luoghi, persone immemori del loro futuro, colte nel limbo della pre-eruzione, che semplicemente ci condurranno nelle loro vicende giornaliere.

Il percorso prende l’avvio dalla Necropoli di Porta Nocera dove dall’alto si scorge Luna della Morte che dà il benvenuto ai visitatori.

Si prosegue lungo la strada che attraversa la necropoli per giunge sulle mura antiche della città, dove avranno luogo proiezioni virtuali, e successivamente all’Orto dei fuggiaschi in cui giacciono i calchi di alcuni inermi testimoni della tragedia che colpì la città.

Ci si incammina verso via dell’Abbondanza, visitando lungo il tragitto la casa del Profumiere, su via Nocera, e poi, accompagnati da rumori di fondo e voci diverse che restituiscono l’antica vitalità di una delle strade più animate di Pompei, si passa alla scoperta di alcune delle domus più suggestive: la casa di Ottavio Quartione e quella della Venere in Conchiglia

Si prosegue infine verso l’Anfiteatro, dove grandi proiezioni si alternano tra loro, a ricordarci che il modo di divertirsi in quei luoghi nel passato non era molto diverso da quello che viviamo noi oggi, in un parallelo forte e suggestivo, che riporta l’emozione di ogni visitatore a quella che lì , 2000 anni prima, qualcun altro aveva provato.

Guida d’eccezione lungo tutto il percorso è la straordinaria voce dell’attore Luca Ward, che sembra condurre il pubblico, attraverso la luce di ben sette lune (la Luna della Morte, la Luna Virtuale, la Luna della Speranza, la Luna del Successo, la Luna della Vita, la Luna del Mistero, la Luna che non c’è, la Luna che si diverte), in una realtà parallela, il cui solo scopo è quello di vivere e far rivivere Pompei.

Necropoli Porta Nocera

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/images/upload/large/4/1249562652474_2697761827_ac958dc619_b.jpg

I maggio, apertura straordinaria Scavi di Pompei a 1 euro

Gli Scavi di Pompei, Ecolano, Oplontis, Stabia e Boscoreale saranno aperti domani 1° maggio ed il biglietto d’ingresso sarà al costo simbolico di 1 euro, coma da iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali  “1° Maggio, un museo un euro”.

Molto ricca l’offerta di visita agli Scavi di Pompei del programma PompeiViva, lanciata dal Commissario Delegato Marcello Fiori, dove si registra il tutto esaurito per la visita didattica multimediale alla Domus di Giulio Polibio e per il cantiere–evento dei Casti Amanti.
Tra le tante novità di visita per i turisti: il Termopolio di Vetutius Placidus, uno dei più belli e meglio conservati snack bar dell’antica città, recentemente restaurato e reso interamente visitabile; la mostra laboratorio “Pompei e il Vesuvio: scienza, conoscenza ed esperienza”, dove ripercorrere l’esperienza degli ultimi drammatici momenti della vita della città, all’ingresso di Piazza Anfiteatro che integra e completa la visita all’area archeologica, ad ingresso gratuito.
.All’Antiquarium di Boscoreale invece è possibile  ripercorre i momenti tragici dell’ eruzione che distrusse Pompei nel 79 d.C, attraverso il dramma dei corpi delle sue vittime esposti nella mostra “I Calchi”.

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

Le lune di Pompei: visite notturne agli scavi

Si potranno prenotare via web, da domani 27 aprile, le visite notturne degli scavi archeologici che rientrano nel programma Le lune di Pompei.

L’emozionante opportunità, che immagino molto intrigante sia per i turisti stranieri che per noi italiani (tanto per riscoprire il nostro immenso patrimonio artistico e archeologico), potranno essere effettuate nel periodo maggio – ottobre 2010.

Il percorso parte dalle necropoli di Porta Nocera, prosegue con la visita alla Casa del Giardino d´Ercole, detta anche Casa del Profumiere, continua per via dell´Abbondanza, soffermandosi nella case di Loreio Tiburtino, di Venere in Conchiglia e di Giulia Felice e si conclude nella splendida cornice dell’Anfiteatro con suggestivi giochi di Luce. Sette grandi lune luminose segneranno il percorso e le soste, creando un’atmosfera da sogno: la Luna di Morte, la Luna del Successo, la Luna Mitica, La Luna della Vita, la Luna che non C’è, la Luna Illegale e la Luna che si Diverte, saranno i motivi guida che narreranno la storia, la mitologia e i segreti di Pompei.

Le visite, della durata di 70 minuti (motivo per cui sono consigliate scarpe da ginnastica più che da sera…), inizieranno un’ora dopo il tramonto. Un’ottimo momento della giornata, soprattutto in estate, per scoprire le antiche strade e le attrazioni della città sepolta senza patire troppo il caldo e la ressa. Il biglietto per le Lune di Pompei costa 20 euro a persona, che scendono a 14 per i possessori di Campania Artecard. Previsto un prezzo speciale per le famiglie: 2 adulti + 2 ragazzi fino a 16 anni pagano 40 euro in tutto.

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

ARCHEOLOGIA: POMPEI, RETE RADIO PER TUTELA SITO E SICUREZZA

Piu’ sicurezza per i turisti, ma anche piu’ tutela del sito archeologico piu’ noto al mondo.
Sara’ una rete radio a Pompei, a fornire il nuovo sistema di telecomunicazioni interne degli ‘adetti ai lavori’ negli scavi.

Un ponte radio, tre stazioni base, 40 terminali che collegheranno 24 ore su 24 i vertici della struttura Commissariale e della Soprintendenza, con i custodi, le forze dell’ordine, il presidio sanitario, la direzione da oggi. Il sistema gratuito garantira’ tempestivita’ ed efficienza nella attivita’ di vigilanza, tutela del monumento e pronto soccorso per i visitatori e i lavoratori negli scavi. “Non esisteva una rete che mettesse in contatto contemporaneamente i diversi operatori all’interno del sito – spiega il commissario Marcello Fiori – una grave carenza sia dal punto di vista della tranquillita’ dei turisti che della salvaguardia del sito.
Grazie alla collaborazione con il dipartimento della Protezione civile, l’istallazione di uno specifico ponte radio presso il Monte Faito, in una posizione che assicura la copertura con un’unica frequenza radio di tutti gli scavi e anche di parte della citta’ nuova”.

Le tre stazioni base del nuovo sistema sono state collocate nella sala regia della videosorveglianza, nella domus di Bacco e presso la postazione interna Pronto Soccorso. I terminali si servono di un segnale analogico che assicura la massima recettivita’ anche dall’interno delle domus laddove spesso il segnale dei telefonini non arriva. Le radio sono state consegnate oltre che ai custodi, ai carabinieri negli scavi e ai vigili urbani di Pompei. Il sistema, oltre a non produrre costi per l’amministrazione, ha il vantaggio di mettere in comunicazione simultanea tutti gli utenti e quindi consentire il coinvolgimento immediato di piu’ unita’ in caso di emergenze.

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

XII Settimana della Cultura , entri gratis agli Scavi di Pompei

XII Settimana della Cultura

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Il MiBAC apre gratuitamente, per dieci giorni, tutti i luoghi statali dell’arte: monumenti, musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche con dei grandi eventi diffusi su tutto il territorio.  Migliaia di appuntamenti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti che renderanno ancora più speciale l’esperienza di tutti i visitatori.
Un’occasione imperdibile per avvicinarsi alla più grande ricchezza del nostro Paese: il nostro patrimonio artistico e culturale.

Approfitta ora di questo fantastico evento per venire in Campania e visitare le nostre bellezze culturali

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI NAPOLI E POMPEI

L’ingresso ai musei e alle aree archeologiche
e la partecipazione a tutte le manifestazioni sono gratuiti

venerdì 16 –  domenica 25 aprile 2009

Siti Vesuviani

Pompei – Visita didattica multimediale alla Casa di Giulio Polibio

16 aprile – 25 aprile 2010
Una guida molto speciale e di grande impatto emotivo, accoglierà i visitatori in una delle più note case di Pompei: lo stesso Giulio Polibio, attraverso una video proiezione multimediale.
Calchi degli utensili e arredi domestici, rinvenuti durante gli scavi, arricchiscono insieme ad installazione multimediali di ultima generazione gli usi e i costumi tramandati da questa Domus.
Uno straordinario racconto sonoro, inoltre accompagna il visitatore in un viaggio nel tempo.

La visita guidata è organizzata per piccoli gruppi.
Prenotazioni: 199 104 114 – da cellulari e dall’estero +39 06 39967850

Pompei – Visita didattica al “cantiere evento” della  Casa dei Casti Amanti

16 aprile – 25 aprile 2010
Il ‘cantiere evento’ della  Casa dei Casti Amanti, splendida  domus venuta alla luce nel 1987 e da allora mai visitabile, apre stabilmente al pubblico. La Domus appartenente ad  un ricco panettiere, è così chiamata per il pannello decorativo che raffigura il bacio innocente di due innamorati. Grazie ad un cantiere di scavo ‘trasparente’  i visitatori di Pompei  possono assistere  ’in diretta’  al lavoro degli archeologi  e dei restauratori passeggiando ampie su passerelle in piena sicurezza godendo della visione d’insieme dell’intera insula.

Prenotazioni: 199 104 114 – da cellulari e dall’estero +39 06 39967850

Mostra

Boscoreale, Antiquarium Nazionale
“I calchi”
La mostra “I calchi”, curata dalla dott.ssa Grete Stefani ,  responsabile dell’Antiquarium Nazionale di Boscoreale, affronta un argomento di particolare interesse per i visitatori: quello delle vittime dell’eruzione che distrusse Pompei nel 79 d.C. Partendo dal calco di cane della Casa di Orfeo, che insieme al calco di un maiale e a quello di una donna rinvenuta nella Villa della Pisanella di Boscoreale è in esposizione permanente nell’Antiquarium, vengono esposti, in copia o in originale, altri calchi eseguiti a Pompei, dalle prime esperienze eseguite sulla base del metodo messo a punto da Giuseppe Fiorelli, direttore degli scavi di Pompei dal 1861 al 1875, fino alle più recenti.
5 marzo – 20 dicembre 2010
Tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 17 (orario invernale); dalle ore 8.30 alle ore 18.30 (orario estivo).
Per informazioni e prenotazioni 081 5368796 (ore 8-14)

Visita guidata

Boscoreale, Antiquarium Nazionale
Sabato 17 e domenica 18 aprile 2010, ore 10 e ore 12
“Visita alla mostra ‘I calchi’, all’Antiquarium e alla ‘Villa Regina’”
di Grete Stefani
Per informazioni e prenotazioni 081 5368796 (ore 8-14)

Area napoletano-flegrea

Conferenza

Sabato 17 aprile 2010, ore 17
Museo Archeologico di Napoli
“Non solo poeta: Salvatore Di Giacomo”
In occasione dei 150 anni dalla nascita, un ritratto dell’intellettuale napoletano, che deve la sua fama alla poesia ma che fu anche erudito, bibliotecario capo della Biblioteca Lucchesi Palli, funzionario di Soprintendenza,  fondatore della Rivista “Napoli nobilissima”.
di Vincenzina Castiglione Morelli e Mariolina Rascaglia
Per informazioni e prenotazioni tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Itinerario-conferenza

Domenica 18 aprile 2010, ore 11
Bacoli, Parco Archeologico delle Terme di Baia, via Sella di Baia 22
“Il segno dei Cesari nei Campi Flegrei”
di Diva Di Nanni e Luca Prosdocimo
In collaborazione con Pierreci Codess Coopcultura
Per informazioni e prenotazioni: tel. 081 4421522 (Pierreci)

Conferenza

Museo Archeologico di Napoli
Lunedì 19 aprile, ore 15
“I Colombari di Cappella a Monte di Procida. Una riflessione antropologica sul culto di Iside”
di Pasquale Schiano di Cola
Per informazioni e prenotazioni tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Conferenza

Museo Archeologico di Napoli
Giovedì 22 aprile, ore 15
“Scene dalla guerra di Troia nei vasi greci del Museo di Napoli”
di Ludi Chazalon
Nell’ambito della XV edizione degli “Incontri di Archeologia”, organizzati dal Servizio Educativo della Soprintendenza, una conferenza proposta in collaborazione con il Dipartimento di Storia dell’Arte e Archeologiadell’Università di Nantes.
Per informazioni e prenotazioni tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Proiezione film e concerto

Museo Archeologico di Napoli
Giovedì 22 aprile, ore 17
• “Banduryst”, un cortometraggio interpretato da Basilio Momako e Salvatore De Rosa, scritto e diretto da Danilo Caputo e prodotto da Taratafilm e Paolo Pucino
•  “Canzoni dall’Ucraina”, voce e bandura di Basilio Momako
L’iniziativa è organizzata dal Servizio Educativo della Soprintendenza in collaborazione con la  Cooperativa Sociale Dedalus, con gli obiettivi di favorire le occasioni di confronto tra diverse culture e di avvicinare al Museo le comunità straniere residenti nel nostro territorio.
Introduce Marco De Gemmis. Interviene il Console dell’Ucraina a Napoli  Volodymyr Karacentsev.
Per informazioni e prenotazioni tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Visita guidata

Museo Archeologico di Napoli
Giovedì 22 aprile, ore 18,15
“Moda e bellezza nell’antica Pompei. Un itinerario attraverso le collezioni del Museo”
di Diva Di Nanni
In collaborazione con Pierreci Codess Coopcultura
Per informazioni e prenotazioni tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Visita guidata

Acerra, Area archeologica dell’antica Suessula, via Calabricito,
Tutti i giorni, dal 16 al 25 aprile 2010, dalle ore 9 alle ore 13
“Visita al foro dell’antica città di Suessula”
Per informazioni e prenotazioni 081 440942 (Ufficio Scavi Napoli)
In collaborazione con Comune di Acerra, Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Salerno, Archeoclub d’Italia sede di Acerra

Sabato 17 aprile 2010, ore 17
Museo Archeologico di Napoli
“Non solo poeta: Salvatore Di Giacomo”
In occasione dei 150 anni dalla nascita, un ritratto dell’intellettuale napoletano, che deve la sua fama alla poesia ma che fu anche erudito, bibliotecario capo della Biblioteca Lucchesi Palli, funzionario di Soprintendenza,  fondatore della Rivista “Napoli nobilissima”.
di Vincenzina Castiglione Morelli e Mariolina Rascaglia
Per informazioni e prenotazioni: tel. 081 4422273 (Servizio Educativo, lunedì-venerdì, ore 9-15)

Ancora un restauro negli Scavi di Pompei: Casa della Fontana Piccola

Concluso il restauro del Dipinto murale raffigurante una scena di paesaggio marittimo ( VI,8,23). Inaugurazione giovedì 1 aprile, ore 12.00

Dopo circa tre mesi di lavori, si è concluso il restauro del dipinto murale raffigurante una scena di paesaggio marittimo della Casa della Fontana Piccola negli Scavi di Pompei. Si tratta, in ordine di tempo, dell’ultima operazione di “salvataggio” conclusa dalla Fondazione CittàItalia. Da anni, infatti, la Fondazione CittàItalia è in prima linea per sensibilizzare i cittadini e coinvolgerli nella tutela del nostro patrimonio culturale e nella raccolta di fondi per il restauro di opere d’arte a rischio, coinvolgendo Istituzioni, primarie aziende, organizzazioni pubbliche e private, e i singoli cittadini. Il lavoro è stato promosso d’intesa tra la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei e il Commissario Delegato per l’emergenza nell’Area Archeologica di Pompei, Prof. Marcello Fiori, ed è stato finanziato grazie ai fondi raccolti in occasione della Campagna del 2009.

“In tempi così difficili, solo il contributo e la partecipazione di tutti può consentire di promuovere la bellezza dell’Italia – dichiara Ledo Prato, Segretario Generale della Fondazione CittàItalia – Restituire questa straordinaria opera a Pompei e a tutti coloro che amano l’arte e questo sito unico al mondo, ci riempie di orgoglio e soddisfazione e ci incoraggia ad andare avanti, proponendo sempre nuove iniziative per coinvolgere i cittadini nella salvaguardia del patrimonio culturale che appartiene a tutti”.

“Siamo lieti di presentare un significativo restauro che accresce lo splendore di questa importante domus– dichiara il Commissario Fiori – un più moderno  modello di gestione dei beni cultural, in particolare a Pompei,  non può prescindere da una virtuosa integrazione tra la missione del pubblico e l’intervento dei privati, che siano aziende o  associazioni di cittadini, per concorrere insieme alla conservazione e alla valorizzazione di uno straordinario patrimonio dell’umanità’’.

La decorazione pittorica del dipinto restaurato è costituita da un registro decorativo superiore, di colore rosso, un pannello centrale raffigurante il paesaggio marittimo, uno zoccolo di colore giallo e, parallelamente al paesaggio, rimane traccia di una decorazione architettonica. E’ possibile evidenziare la notevole corposità di alcune pennellate, eseguite per definire le minuzie di particolari quali foglie di alberi, personaggi che popolano la scena e capitelli di porticati. Numerosi erano i distacchi dell’intonaco dal supporto murario, specialmente in corrispondenza di alcune lesioni, causate dallo slittamento dei conci murari della struttura di sostegno. Sulla superficie dipinta le infiltrazioni di umidità provenienti dall’esterno avevano provocato fenomeni di disgregazione progressiva dell’intonaco, la formazione di sali di vario spessore e incrostazioni superficiali sulla pellicola pittorica. Molte le stuccature in cemento, probabilmente realizzate durante un intervento degli anni’ 60, che alteravano la lettura dell’immagine.

Il lavoro di recupero del dipinto è stato affidato al restauratore Francesco Esposito, con la supervisione della Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei e in particolare dell’archeologo, dr. Ernesto De Carolis, con l’utilizzo di diverse metodologie d’intervento volte a ripristinare l’adesione dell’intonaco al supporto murario, a trattare la pellicola pittorica e a demolire le stuccature in cemento.

Breve scheda tecnica dell’opera:

DESCRIZIONE DELL’OPERA: Dipinto murale della Casa della Fontana Piccola negli Scavi di Pompei TECNICA: Dipinto murale PERIODO: I sec. a.C.

Vieni a visitare da vicino le meraviglie degli Scavi di Pompei , a pochi passi dal nostro bed and breakfast

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655 

Un viaggio straordinario negli scavi di Pompei

Restauri appena terminati, uno snack bar dell’antichità per la prima volta aperto al pubblico, una mostra laboratorio dove ripercorrere l’esperienza degli ultimi drammatici momenti della vita della città: ecco l’offerta davvero unica ed irripetibile per un viaggio ricco di emozioni negli scavi di Pompei in questi giorni di vacanza.

Infatti tra le ultime novità da ammirare a Pompei il Termopolio di Vetutius Placidus, uno dei meglio conservati e belli snack bar dell’antica città, e la casa della Fontana Piccola con lo splendido affresco murale con scena di paesaggio marittimo, entrambi recentemente restaurati. All’ingresso di Piazza Anfiteatro è possibile, inoltre, integrare e completare la visita all’area archeologica con la mostra didattica, totalmente gratuita, “Pompei e il Vesuvio: scienza, conoscenza ed esperienza” , inaugurata da pochi giorni. La mostra ricostruisce l’eruzione del 79 d.C. e la distruzione di Pompei, attraverso un percorso di conoscenza mirato a sensibilizzare il pubblico più giovane e curato dai sismologi e vulcanologi ma illustra anche con documenti di straordinaria bellezza (provenienti dagli archivi della RAI) le immagini dell’ultima eruzione del 1944 e le testimonianze della fede popolare davanti alla forza del vulcano.
E ancora l’Antiquarium di Boscoreale ospita, invece, la mostra “I calchi”, che ripercorre i momenti tragici dell’ eruzione che distrusse Pompei nel 79 d.C, attraverso il dramma dei corpi delle sue vittime.
“E’ un’offerta davvero straordinaria – dichiara il Commissario Delegato Marcello Fiori – e i visitatori dell’ area archeologica potranno vivere un’esperienza emozionante nella quale elementi di conoscenza scientifica (la mostra sul Vesuvio), aspetti di grande dolore e umanità (i calchi), la curiosità degli aspetti della vita quotidiana (una domus e un thermopolium) si mescoleranno sapientemente per accrescere la conoscenza e la cultura di ciascuno. Questa diversificazione dell’offerta turistica comincia a dare buoni frutti anche sotto il profilo della crescita dei flussi turistici (che sono in costante crescita da dicembre 2009): infatti Pompei nello scorso marzo ha registrato un incremento di visitatori di un più 13% rispetto al precedente anno. Inoltre questi eventi rappresentano solo una parte delle novità che avranno una concretizzazione nei prossimi mesi a completamento della stagione di rilancio culturale ,di valorizzazione e di maggiore fruizione dell’intera area archeologica vesuviana”.

La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei comunica che gli scavi di Pompei, Ercolano, Oplontis, Stabia e l’Antiquarium di Boscoreale saranno regolarmente aperti al pubblico in occasione della Pasqua e del Lunedì in albis secondo i seguenti orari estivi: 8,30 – 19,30 (ultimo ingresso ore 18,00)
Vieni a visitare da vicino le meraviglie degli Scavi di Pompei , a pochi passi dal nostro bed and breakfast

Nessun pagamento anticipato obbligatorio

Controlla la disponibilità e Prenota online con conferma immediata!

Prenota Ora
 Per altre informazioni o per ricevere un preventivo personalizzato contattaci via E-mail o invia un messaggio su WhatsApp: 327 3543655